Come è fatto il Play-o-Tronic (pong)

Zona nostalgici. Hardware e Software di questi gioielli anni '80
Rispondi
gilbyit
Messaggi: 26
Iscritto il: dom 11 ott 2020, 14:56

Come è fatto il Play-o-Tronic (pong)

Messaggio da gilbyit »

Qualche tempo fa andando per mercatini mi sono imbattuto in un oggetto strano, mai visto prima. Era etichettato come "pezzo elettrico" al prezzo di 5€ Ho capito che si trattava di una console molto particolare e visto il prezzo l'ho acquistata. No, non era una Ps1 era questa cosa qua

Immagine

Si tratta di un clone del celebre Pong, una consolle degli anni 70 che collegata ad una TV consentiva di giocare al gioco del Tennis.
Ovviamente questo non è l'originale ma uno dei suoi numerosi cloni, si tratta del Play-o-tronic prodotto dalla Zanussi, questo esemplare riporta come data il 1978.
La consolle consente di giocare in due a tennis o da soli alla pelota, ogni giocatore dei due presenti è controllato da un joystick con una rotella per spostarsi su e giù e un pulsate per il servizio.
Non è dotato di alcuna AI per cui non si può giocare al tennis contro il computer in quanto questo non è un computer.

Immagine

Come si vede nella foto il Pong che ho trovato era anche funzionante, c'e' qualcosa da rivedere ma più o meno è a posto.
Ora se volete saperne di più sulla consolle vi lascio il link di wikipedia
https://it.wikipedia.org/wiki/Ping-o-tronic
Quello che wiki non racconta è come è fatto dentro questo aggeggio e la cosa sorprendente è che è più semplice di quello che si pensi.
Come già detto non contiene alcun computer e neppure cpu o ram, si basa tutto su un chip AY-3-8500 che realizzato a componenti discreti gestisce proprio il gioco.
In pratica è un gioco hardware e non programmato.

Immagine

Questa è l'unica scheda presente dentro se non consideriamo la parte relativa ai tasti.
A sinistra notiamo un connettore per l'alimentazione, un trasformatore 4 diodi per il raddizzamento, un grosso condensatore della ITT per il livellamento e un regolatore.
In pratica uno stadio di alimentazione discreto di bassa potenza.
La scatola è il modulatore RF necessario a inviare il segnale alla TV come se fosse un normale canale UHF.
In alto vediamo il chip 8500 che è il cuore del gioco, l'altro integrato sulla destra è un LM3401N, contiene 4 operazionali che servono a mescolare i segnali video.
Questo è necessario in quanto il Chip genera direttamente i segnali video ma li genera in modo separato per il campo di gioco, per il giocatore destro e sinistro e per la palla, è necessario quindi unire i segnali in uno singolo e gli opamp servono a questo.

Questa è la piedinature del AY-3-8500

Immagine

In pratica le uscite dei segnali video sono 6-9-10-24
altri pin servono per la selezione del gioco 18-19-20-22-22
altri per l'input dei controller 11-12
altri ancora per le impostazioni di difficilotà 5-7-8-13

Tutto sommato oggi l'hardware per far funzionare questo chip è poca cosa e volendo generare un video composito al posto di quello RF chiunque potrebbe costruire un Pong odierno per pochi euro.
Ecco ad esempio il circuito riportato sul datasheet dell'8500

Immagine

I due potenziometri sulla destra sono i controller della posizione dei giocatori sullo schermo, in questo esempio l'audio è riprodotto direttamente con uno speaker.
Per quello che invece riguarda il mio ho intenzione di restaurarlo e di modificarlo con uscita video composito in quanto il vecchio sistema RF è ormai in disuso.
Volendo si può anche tentare di dargli dei colori infatti essendo 4 i segnali generati da miscelare si potrebbe tentare di dare un colore distinto a ognuno di essi.
Spero di fare cosa gradita con questo teardown anche se non approfondito.
Avatar utente
pgv
Messaggi: 244
Iscritto il: gio 17 set 2020, 13:16
Località: Ginevra

Re: Come è fatto il Play-o-Tronic (pong)

Messaggio da pgv »

Bellissimo! Per i retro-curiosi, ho trovato un datasheet piu' completo a
https://web.archive.org/web/20120316160 ... NI1978.pdf
Avatar utente
Maxvarese
Messaggi: 1149
Iscritto il: mar 9 apr 2019, 23:53

Re: Come è fatto il Play-o-Tronic (pong)

Messaggio da Maxvarese »

Interessante rifletterci sopra.
Come rivela le collisioni ?
La" pallina "si muove solo in orizzontale e con rimbalzi di 45° ?
È sorprendente che l'immagine non sfarfalli dopo tanti anni.(buoni sincronismi)
gilbyit
Messaggi: 26
Iscritto il: dom 11 ott 2020, 14:56

Re: Come è fatto il Play-o-Tronic (pong)

Messaggio da gilbyit »

pgv ha scritto: mar 1 giu 2021, 17:05 Bellissimo! Per i retro-curiosi, ho trovato un datasheet piu' completo a
https://web.archive.org/web/20120316160 ... NI1978.pdf
Cavoli, grazie, è più completo e ricco del datasheet base e spiega anche come usare il chip che aggiungeva i colori :)
gilbyit
Messaggi: 26
Iscritto il: dom 11 ott 2020, 14:56

Re: Come è fatto il Play-o-Tronic (pong)

Messaggio da gilbyit »

Maxvarese ha scritto: mar 1 giu 2021, 17:16 Interessante rifletterci sopra.
Come rivela le collisioni ?
La" pallina "si muove solo in orizzontale e con rimbalzi di 45° ?
È sorprendente che l'immagine non sfarfalli dopo tanti anni.(buoni sincronismi)
Il manuale del Chip dice che a seconda della difficoltà impostata tramite il pin 5
alto angoli variano di +20° o -20°
basso angoli variano di +20°, -20°, +40° o -40°
Rispondi